Giornata di studio sul Sistema aeroportuale a Mondello (Palermo)

Mauro Maia (Presidente F2i Aeroporti): “nella gestione del network aeroportuale tramite un continuo scambio di idee tra le posizioni apicali dei vari aeroporti si favorisce l’adozione delle singole best practice di ciascun aeroporto nelle varie attività”.

Lo scorso 27 maggio, il Presidente di F2i Aeroporti, Mauro Maia, ha rappresentato F2i in occasione di una giornata di studio incentrata sul settore aeroportuale svoltasi a Mondello, nei pressi di Palermo.

Il Seminario, “Infrastrutture aeroportuali e processi di sviluppo economico”, organizzato da ENAC, ENAV, Assaeroporti, Assaereo ed ANCI in collaborazione con ICCSAI, Centro Studi Demetra e GESAP ha costituito un’occasione di confronto su alcune delle principali tematiche che interessano il Sistema aeroportuale nazionale.

Intervenuto nel corso dell’Evento, il Senior Partner di F2i specializzato nel settore aeroportuale, Mauro Maia, ha illustrato le attività di F2i attraverso F2i Aeroporti, di cui Maia è Presidente. Attualmente, F2i Aeroporti detiene quote di controllo in due società di gestione aeroportuale: Sagat, società che gestisce l’Aeroporto di Torino e che detiene una quota minoritaria nell’Aeroporto di Bologna; e Gesac, società che gestisce l’Aeroporto internazionale di Napoli, primo scalo nazionale ad essere stato privatizzato, nonché primo investimento da parte di F2i nel settore aeroportuale. Mauro Maia ha inoltre ricordato l’importante quota (44% circa) di F2i in SEA, la società che gestisce gli aeroporti di Milano Malpensa e Linate e che detiene una quota dell’aeroporto di Bergamo Orio al Serio.

F2i Aeroporti è una holding che ha dato vita, negli ultimi anni, a un vero e proprio network aeroportuale, attraverso cui transita circa il 35% del traffico aereo nazionale.  Come sottolineato dallo stesso Maia, “nella gestione del network tramite un continuo scambio di idee tra le posizioni apicali dei vari aeroporti si favorisce l’adozione delle singole best practice di ciascun aeroporto nelle varie attività”. Un sistema sinergico, insomma, che rientra nella logica di F2i di creare filiere altamente specializzate in vari comparti infrastrutturali e che ha portato, a circa 7 anni dalla costituzione del Fondo alla creazione di campioni nazionali non soltanto nel settore aeroportuale ma anche della distribuzione del gas (attraverso 2i rete Gas – primo operatore indipendente a livello nazionale) e delle TLC (attraverso Metroweb – eccellenza a livello europeo nel settore delle infrastrutture di telecomunicazioni in fibra ottica).

A proposito di privatizzazioni nel settore aeroportuale, il capo di gabinetto del Ministero delle infrastrutture, ha sottolineato la necessità di un quadro regolatorio certo ed un “sistema che incoraggi l’investitore privato a entrare nel mercato aeroportuale”.  Il Presidente dell’ENAC, Vito Riggio, ha invece stigmatizzato una linea “antiprivatizzazione” da parte di alcuni scali nazionali, tra cui quelli di Bologna e Catania.

Nel suo intervento, Maia ha espresso potenziale interesse da parte di F2i per gli scali siciliani di Palermo e Catania, evidenziando che F2i, come già nel caso degli aeroporti di Torino, Napoli e Milano, favorisca la permanenza degli enti locali all’interno di ciascun aeroporto, garantendo una gestione industriale efficiente.